S T A T U T O DELL'ASSOCIAZIONE CULTURALE "ANTICHE FORNACI DI SFRUZ"

 

Articolo 1) DENOMINAZIONE.

È costituita una associazione culturale denominata "ANTICHE FORNACI DI SFRUZ".

 

Articolo 2) SEDE.

L'associazione ha sede nel Comune di Sfruz. Potranno essere costituite sezioni nei luoghi che il Consiglio direttivo riterrà più opportuni al fine di meglio raggiungere gli scopi sociali.

 

Articolo 3)SCOPI.

Scopo primario dell'associazione è la riscoperta ed il rilancio dell'antica arte della ceramica che fin dal remoto passato ha caratterizzato il lavoro artigianale nel paese di Sfruz.

L'associazione si propone inoltre di valorizzare tutte le antiche tradizioni artigianali, culturali e agricole della zona e di conservare e valorizzare le peculiarità architettoniche del paese di Sfruz.

Per il perseguimento di queste finalità, l'associazione opererà attraverso i seguenti filoni:

CULTURA: storia, corsi, concorsi, conferenze, pubblicazioni

INIZIATIVE: esperienze, scambi, conoscenze, convegni

PRODUZIONE: programmi, promozione, vendite

 

Articolo 4) SOCI

a) L'Associazione è composta da soci fondatori, ordinari, sostenitori e onorari.

Sono soci fondatori coloro i quali sono indicati nell'atto costitutivo;

Sono soci ordinari coloro che versano la quota sociale.

Sono soci sostenitori coloro che contribuiscono in misura rilevante al sostentamento e allo sviluppo dell'associazione.

Sono soci onorari coloro che, avendo acquisito particolari meriti nel perseguimento delle finalità dell'associazione, vengono designati dall'Assemblea.

b) Tutti coloro che intendono far parte dell'associazione devono presentare domanda al Consiglio Direttivo, sottoscritta, oltre che dal richiedente, da almeno due soci.

L'ammissione a socio è subordinata all'accoglimento della domanda da parte del Consiglio Direttivo, il cui giudizio è insindacabile e contro la cui decisione non è ammesso appello.

  1. La qualifica di socio dà diritto a frequentare i locali e gli impianti sociali, nonché di partecipare alle attività sociali secondo le modalità stabilite dal Consiglio direttivo. Tale qualifica impegna il socio a rispettare le finalità dell'associazione accettandone lo statuto e gli eventuali regolamenti di esecuzione.

  2. I soci cessano di appartenere all'associazione:

  1. per dimissioni volontarie presentate con lettera semplice;

  2. per morosità: il socio che non provvederà al pagamento della quota entro 90 gg. dalla scadenza si intenderà di diritto escluso dall'associazione;

  3. per espulsione, deliberata dalla maggioranza assoluta dei componenti il Consiglio direttivo, pronunciata nei confronti di un socio che abbia commesso azioni ritenute disonorevoli entro o fuori dall'associazione e che, con la sua condotta, rechi ostacolo o pregiudizio alla vita sociale o al buon nome dell'associazione. La delibera di espulsione dovrà essere ratificata dall'Assemblea.

 

Articolo 5) MEZZI FINANZIARI

I mezzi finanziari dell'associazione sono costituiti dalle quote associative determinate annualmente dall'Assemblea ordinaria, su proposta del Consiglio direttivo, dai contributi di enti, di privati e di associazioni, da lasciti e donazioni, dal ricavo di attività e organizzazioni.

L'associazione può compiere tutte le operazioni necessario al raggiungimento dell'oggetto sociale.

Il bilancio si riferisce all'anno solare.

Articolo 6) ORGANI DELL'ASSOCIAZIONE

Sono organi dell'associazione:

  • l'Assembla dei soci (ordinaria e straordinaria);

  • il Consiglio direttivo;

  • il Presidente;

  • il Collegio dei Revisori dei conti.

Tutti gli organi dell'associazione restano in carica 3 anni e i loro componenti sono rieleggibili.

 

Articolo 7) L'ASSEMBLEA

L'Assemblea è costituita dai soci fondatori, ordinari e sostenitori. E' convocata, di norma, una volta all'anno dal Presidente su deliberazione del Consiglio direttivo o su richiesta di almeno la metà dei soci, che dovranno proporre anche l'ordine del giorno. In questo caso dovrà essere convocata dal Presidente entro 30 giorni dal ricevimento della richiesta.

La convocazione dell'Assemblea deve avvenire con apposito avviso affisso all'albo dell'associazione almeno 8 giorni prima della data della riunione, contenente la data, l'ora, il luogo e l'ordine del giorno degli argomenti da trattare; ai soci non residenti nel Comune di Sfruz l'avviso dovrà essere inviato per posta o per fax o per via telematica e dovrà pervenire loro almeno 8 giorni prima della data della riunione.

Sia l'Assemblea ordinaria che quella straordinaria saranno valide in prima convocazione con la presenza della metà dei soci aventi diritto a voto. Trascorsa un'ora dalla prima convocazione, l'assemblea è regolarmente costituita in seconda convocazione qualunque sia il numero dei soci presenti.

Hanno diritto di voto e sono eleggibili i soci iscritti da almeno un anno, che abbiano versato la quota associativa per l'anno in corso.

E' ammesso il voto per delega; ogni socio non può comunque presentare più di una delega.

Spetta all'Assemblea ordinaria:

  • stabilire, su proposta del Consiglio direttivo, l'importo delle quote associative annuali e degli eventuali contributi spese per l'anno successivo;

  • deliberare in merito ai bilanci preventivo e consuntivo predisposti dal Consiglio direttivo;

  • eleggere il Consiglio direttivo ed il Collegio dei Revisori dei Conti, determinando il numero dei consiglieri nel rispetto delle quote stabilite nell'articolo successivo;

  • attribuire la qualifica di socio onorario, su proposta del Consiglio direttivo;

  • deliberare in merito alla proposta di ratifica delle deliberazioni di espulsione adottate dal Consiglio direttivo.

Spetta all'Assemblea straordinaria:

  • deliberare sulle proposte di modifica dello statuto;

  • deliberare sull'eventuale proposta di scioglimento dell'associazione; per tale deliberazione occorrerà il voto favorevole di almeno due terzi dei votanti, i quali rappresentino almeno la metà più uno dei soci aventi diritto a voto.

 

Articolo 8) IL CONSIGLIO DIRETTIVO

Il Consiglio direttivo è composto da un minimo di 5 ad un massimo di 7 membri eletti dall'Assemblea; indipendentemente dal numero dei consiglieri, ai soci fondatori dovrà essere assicurata la quota di maggioranza. Gli incarichi sociali si intendono a titolo gratuito.

Spetta al Consiglio direttivo:

  • eleggere nel suo seno il Presidente, il Vice Presidente, il Segretario e il Tesoriere;

  • deliberare sulle domande di ammissione dei soci;

  • proporre all'Assemblea l'espulsione dei soci per morosità o indegnità, secondo quanto stabilito nel presente statuto;

  • redigere i bilanci preventivo e consuntivo da sottoporre all'Assemblea;

  • fissare la data dell'Assemblea ordinaria determinandone l'ordine del giorno e convocare l'Assemblea straordinaria qualora lo reputi necessario o venga richiesto dai soci;

  • programmare l'attività annuale dell'Associazione;

  • definire i criteri per l'attribuzione della qualifica di socio sostenitore;

  • curare l'ordinaria amministrazione e, con l'esclusione dei compiti espressamente attribuiti all'Assemblea, la straordinaria amministrazione,

  • il Consiglio Direttivo può stipulare protocolli d'intesa con Enti Pubblici e in particolare con il Comune di Sfruz, per regolare i rapporti di collaborazione e di sostegno anche finanziario necessari per l'attività e lo sviluppo dell'Associazione.

Il Consiglio Direttivo si riunisce ogniqualvolta il Presidente lo ritenga necessario o lo richiedano gli altri consiglieri, senza formalità di convocazione, che potrà anche essere telefonica o verbale.

I consiglieri dimissionari o decaduti per qualsiasi motivo durante il mandato, verranno surrogati dai soci che in sede di elezione abbiano riportato voti, ma non siano stati eletti, in ordine di preferenze.

Il Consiglio direttivo può invitare alle proprie riunioni persone che a vario titolo possano contribuire allo svolgimento delle attività programmate; tali persone non hanno comunque diritto a voto.

Il Consiglio direttivo, con maggioranza della metà più uno dei suoi componenti, può cooptare altri soci per coinvolgerli nella realizzazione delle attività programmate o per un apporto di idee o di competenze. I membri cooptati hanno diritto a voto consultivo.

Le deliberazioni del Consiglio direttivo sono valide quando siano assunte in presenza di almeno la metà dei suoi componenti ed approvate dalla maggioranza assoluta dei presenti.

I membri elettivi del Consiglio direttivo che risultino assenti senza giustificato motivo per tre riunioni consecutive, possono essere dichiarati decaduti.

 

Articolo 9) IL PRESIDENTE

E' il legale rappresentante dell'associazione.

Egli:

  • convoca e presiede il Consiglio direttivo;

  • cura, in collaborazione con il Vicepresidente, il Segretario e il Tesoriere, l'esecuzione delle deliberazioni dell'Assemblea e del Consiglio direttivo;

  • firma gli atti e i documenti relativi a tutti gli affari e interessi dell'associazione;

  • rappresenta l'associazione nei rapporti esterni.

In caso di assenza o impedimento, è sostituito dal Vicepresidente, che può essere delegato dal Presidente a svolgere specifiche iniziative o attività.

Può essere delegato dal Consiglio direttivo a decidere su determinate materie, entro i limiti di spesa stabiliti.

 

Articolo 10) IL SEGRETARIO

Cura la redazione dei verbali e il disbrigo della corrispondenza; collabora con il Presidente nell'organizzazione delle attività programmate.

 

Articolo 11) IL TESORIERE

Cura la contabilità, compila ed aggiorna l'inventario dei beni dell'associazione e riferisce all'Assemblea dei soci sul bilancio.

 

Articolo 12) COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI

E' composto da due membri, anche non soci, eletti dall'Assemblea. Vigila sulla corretta gestione contabile e finanziaria dell'associazione e ne riferisce all'Assemblea in sede di presentazione del conto consuntivo

 

Articolo 13) DURATA E SCIOGLIMENTO

La durata dell'associazione è illimitata. L'associazione non potrà essere sciolta se non in base a deliberazione dei due terzi dei soci aventi diritto a voto, riuniti in assemblea straordinaria.

In caso di scioglimento, i beni dell'associazione verranno devoluti al Comune di Sfruz.

 

Articolo 14) CLAUSOLA COMPROMISSORIA

Tutte le controversie fra l'associazione e i soci o fra soci, sono sottoposte ad un collegio arbitrale costituito da tre componenti, soci dell'associazione, di cui due scelti dalle parti interessate ed un terzo, che assume la presidenza, nominato dal Sindaco del Comune di Sfruz al di fuori del Consiglio direttivo. Al collegio sono demandati i più ampi poteri istruttori e decisionali ed il verdetto deve essere accettato inappellabilmente. I provvedimenti disciplinari che possono essere comminati sono quelli previsti dallo statuto; la proposta di radiazione di un socio deve essere comunicata al Presidente per la delibera del Consiglio direttivo e la ratifica dell'Assemblea.

I soci, con l'approvazione dello statuto, s'impegnano all'accettazione della presente clausola compromissoria.

 

Articolo 15)NORMA TRANSITORIA

Nella prima applicazione del presente Statuto e fino alla prima riunione dell'Assemblea, da convocare entro sei mesi, tutte le funzioni degli Organi sociali vengono esercitate dai soci fondatori.

In deroga a quanto previsto nel 4° comma dell'art. 7 dello Statuto, alla prima riunione dell'Assemblea potranno partecipare con diritto di elettorato attivo e passivo tutti i soci che abbiano versato la quota di iscrizione.

 

Articolo 16) RINVIO

Per quanto non previsto nel presente statuto si applicano le norme del Codice Civile.

 

-----------------------------------------------

 

 

Il presente statuto è stato approvato dai soci fondatori in data 30 ottobre 2005.

 

Fto. Benito Cavini

Fto. Hedy Schrott Cavini

Fto. Poli Claudio

Fto. Memmo Caporilli

Fto. Francesco Angelelli

Fto. Poli Romano

Fto. Roberto Cavosi

 

 

 

Contatti: Antiche Fornaci di Sfruz

Piazza Degasperi n°1
38010 Sfruz (Tn)

 

Tel: 0463 536659

Web Editor: Andrea Biasi